Tag:Landscape

La magia dei colori

Che meraviglia quando sotto alla pioggia non ti aspetti nulla e poi all’improvviso l’orizzonte si apre davanti ai tuoi occhi e la Natura ti regala uno spettacolo di colori e atmosfere: pura magia !

Gift of colors

Splendidi ricordi

Qui vi raccontavo di quel giorno quando tra i fiocchi di neve che correvano nel vento, spuntavano, sorprendendomi, i raggi del sole. Le nuvole all’orizzonte sembravano aprirsi, speravo in un tramonto colorato… ma così non è stato.

Così, attendendo la luce giusta, rimanevo affascinata da ogni scenario sul quale il mio sguardo si soffermava. Ancora adesso sorrido al ricordo di quegli istanti, nel freddo, quando per scaldarmi, mi avvicinavo alla terra e cercavo con le mani qualche spaccatura nella roccia dove fuoriusciva aria calda.

Splendidi ricordi, anche senza tramonto, anche senza luce magica.

Tramonto sulla distesa lavica

Emozioni nella pioggia: Hálsanefshellir

Quel giorno me lo ricorderò per sempre. Da giorni ormai diluviava, e sottolineo… diluviava! Secchi dal cielo, non pioggia…e non cessava un attimo. Anche le previsioni meteo non davano speranze… cosa fare cosa non fare, luoghi bellissimi da vedere e fotografare ma impossibilitata a farlo. Anche il vento fortissimo ostacolava ogni prova di coraggio in tal senso…

Solo che io proprio non volevo andarmene senza aver visto questo posto e non mi accontentavo della vista “classica”: volevo vedere le colonne basaltiche di Vik, che sapevo formare una grotta a ridosso dell’oceano, un posto da non perdere e poi … “magari lì troverò rifugio”.

Arrivarci era un’impresa, il vento contro, la pioggia senza sosta, ero ben vestita e lo zaino ben coperto… ma camminare sulla spiaggia di ciottoli neri, in quelle condizioni, rimaneva un’impresa.

Sono stata ripagata: la grotta di basalto è splendida, una cavità ampia, dove ammirare le formazioni di basalto e riflettere sulla formazione di questo scoglio nell’oceano…Il vento però anche qui dentro si faceva sentire portando a tratti pioggia e a tratti spruzzi delle onde dell’oceano. Una foto al volo, davvero l’attimo di un ricordo. E poi via, di nuovo indietro per raggiungere la macchina.

E’ stato semplicemente fantastico!

Vik

La terra dell’acqua

E’ conosciuta come la terra del ghiaccio e del fuoco, ma l’Islanda è sicuramente anche la terra dell’acqua: circondata dall’oceano e ricoperta da ghiacciai, arricchita da geyser, sorgenti calde e laghi, in questa terra così affascinante di cascate ce ne sono davvero tantissime! Le più famose sono spettacolari ma ce ne sono anche molte altre meno conosciute che meritano di esser cercate.
Lo sguardo si ferma a testimoniare che l’acqua non si arresta davanti a nulla: trova un passaggio in piccolo canali di scorrimento lavico o in fessure tra queste rocce così dure.
E spunta all’improvviso regalando momenti di stupore.

Lo scorrere della vita

Il fascino della geometria

L’Islanda è una terra che sa sorprendere: non si può rimanere indifferenti davanti a contrasti così evidenti.
Cosa ci farà mai una piramide ed una sfera nel deserto? La luce non delle migliori, certo, ma al meteo non si comanda: è solo un ricordo che mi son voluta portare a casa. E condividere con voi.

Geometrie

Il castello di roccia

Djupalonssandur è una bellissima spiaggia di ciottoli modellati dalle forze del mare e del vento, con una serie di rocce di forma misteriosa che emerge dall’oceano. Si trova nella penisola di Snaefellsnes.
Si arriva alla spiaggia scendendo in mezzo ad alte scogliere, e ci si ritrova subito in mezzo a resti di un antico naufragio, vera prova delle condizioni meteorologiche nella zona. Si trovano lì 4 grosse pietre una volta utilizzate dai pescatori per testare la loro forza e che vanno da oltre 150kg a circa 20kg.

La cosa che mi ha colpito di più è questa bizzarra forma di lava che sembra quasi quello che rimane di un antico castello nel mare.

Il castello di roccia

Magia dell’inverno

Un augurio di Buon Anno Nuovo a tutti!
Che questo 2016 porti tanta serenità a tutti!

Magia dell'inverno

La lunga attesa

22 dicembre… è appena passato il solstizio d’inverno, siamo entrati nella stagione più fredda dell’anno…davvero ? Non mi sembra proprio. Quest’anno l’inverno infatti si fa proprio attendere. Niente neve nemmeno in montagna, e in pianura temperature primaverili.

Una foto dello scorso anno, Lago superiore di Fusine. Speriamo sia di buon auspicio per l’arrivo del vero inverno.

Fusine

Námafjall

Beh…non sempre l’Islanda regala tramonti e albe spettacolari…Ti capitano quei giorni dove stranamente non piove ma che non emozionano particolarmente per quanto riguarda la luce.

Magari ti trovi anche in luoghi molto turistici e, tra il passaggio di turisti, hai solo il tempo di uno scatto per portarti a casa un ricordo, come facciamo tutti, di quella terra che vive, si genera continuamente, si modella in aspetti diversi e che, questo si, ti emoziona.

La terra vive!

Þingvellir

Þingvellir è un parco nazionale dell’Islanda ed è anche è uno dei luoghi più importanti della storia islandese.

In questa zona si osserva molto bene il fenomeno della deriva dei continenti: ci sono gole e faglie che attraversano la regione; la più grande di esse, chiamata Almannagjá è un vero e proprio canyon. E’ impressionante camminarvi dentro.

Come si sa, il meteo cambia spesso in Islanda e dopo tutta la giornata di pioggia incessante, la luce verso sera mi ha regalato questa ripagante visione.

Luce su Þingvellir

All the Images are protected by Copyright. Please contact the author for more information.